Archivi Blog

The Re-Italy show

Da quando alla ribalta è ritornatoBrescia
non sembra più lo stesso, appar più buono:
scommetti che il Caimano ora è cambiato?

Il seggio di Vice Premier dà in dono
al fido Alfano, restando sul retro
invita i suoi ad abbassare il tono

Vedendo del PD il futuro tetro
corre in soccorso con le larghe intese:
“Collaboriamo, non guardiamo indietro”

Se c’è chi non arriva a fine mese
accorre a far della beneficenza
ma alla TV, così il fatto è palese

Ma ecco arrivar d’appello la sentenza:
dell’onta eterna torna a aver terrore…
così riprende la vecchia parvenza

A Brescia tuona con il vecchio ardore:
dai Magistrati egli è un perseguitato
come di Portobello il conduttore!

Alfano, degli Interni il Delegato,
protesta come se il capo non fosse
dei celerin, da cui vien controllato

Mio caro Silvio, con codeste mosse
parecchi avei convinto fossi in grado
non solo di parlar di toghe rosse

Ma nel tranello invece io non cado:
un falco a cui una mano dai di bianco
somiglia a una colomba assai di rado

Annunci

Uno peggio dell’altro

Cerchiamo di non fare lo stesso... ma non asteniamoci!Di AAAAH! via Spinoza

Ed ecco un’altra volta ci s’appresta
al fatidico giorno d’elezioni
già tutti noi ne abbiam piena la testa:

catodiche, serali apparizioni
politicanti vari, a fare inganni
cercando di raccoglier votazioni.

Abbiamo il caro Silvio, che a ottant’anni
ritienesi, più d’ogni altr’uomo al mondo
perfetto e irresistibil Dongiovanni

Di assurdità da sempre va in affondo
e sempre mi domando, ch’è pazzesco,
chi sia ch’il vota ancora a cuor giocondo!

E poi c’era il Giannìn carnevalesco
d’ americana laurea s’indorava
coperto d’abito settecentesco.

E poi Grillo da Genova, che urlava
“Vaffanculo!”, suo slogan preferito.
e “noi siam tutti onesti, gente brava!”.

L’elettor medio lascia assai allibito
anche perché, vi sembrerà un po’ strano
c’è pur chi lo ritien come Benito.

Piergigi, del PD gran ciambellano:
s’adopra ad’evitarlo, ma s’incaglia,
finisce ad aiutare sempre il Nano.

E noi la voteremo, ‘sta gentaglia
che di noi tutti allegra se la ride
è il popolo italiano che s’abbaglia!

Chè dopo ‘ste politiche disfide
-e noi le s’è seguite come un mulo-
non il governo nuovo si decide

Ma chi potrà buttarcelo nel…

Amici (elettori), Ahrahra!

Elettori, AHRAHRARA!!Ecco su Sky il faccione del Caimano:
della proposta shock ci dà i dettagli
svelando il suo disegno oscuro e arcano

“Se vinco vi prometto farò i tagli
a tasse, l’IMU odiata e le Province
e pure ai Deputati, che non sbagli

Se quanto sopra ancor non vi convince
sul reddito dimezzo anche le imposte
che pagherà colui che al Lotto vince

Non son finite qui le mie proposte:
vi rendo tutta l’IMU già versata
sul conto in banca oppur mediante Poste!”

Dopo l’ultima ennesima sparata
un deja vu mi coglie all’improvviso:
la mente mia da buia è illuminata!

Dei Fichi d’India mi sovvien il viso
in quella celeberrima macchietta
che aveva “Amici, Ahrahra!” come inciso

La truffa organizzavano perfetta,
da stralunati agenti immobiliari,
per gente ingenua e poco circospetta,

che  crede in chi promette monti e mari
a prezzi convenienti, anzi stracciati,
che sòle son, spacciate per affari

Per due decenni il Nano c’ha gabbati,
a colpi di promesse e di contratti:
ci fosse un caso in cui li ha rispettati!

Se gli crediamo ancora, siamo matti!

Er Vizio Pubico a Servizio Pubblico

santoro-servizio-pubblicoDi Palissandro via Spinoza

L’arena è pronta, scalpitano i tori
pronti a bicciarsi, lucida il fioretto
il Cavaliere, rapidi i tenori

si scaldano la voce. Dritto, eretto
appare pria Santoro, poi Travaglio
(dal volto pare l’ano sia già stretto).

Esordisce il pagliaccio “Mai mi sbaglio!”
Accusa il professore, il giornalista;
ostenta sicurezza: “Senza abbaglio

è colpa di Cavour, della sua lista!
Senza dubbio la crisi d’oggi è figlia
dell’invidia di qualche comunista”.

Tutto il pubblico sorge, s’accapiglia,
rabbia schiumano, urlano vergogna.
Beffardo in mezzo a un tale parapiglia

il Cavalier sorride della gogna,
li deride e con mossa assai teatrale
gli pulisce le sedie. Io avrò la rogna

perché da quando guardo ‘sto canale
mi gratto senza sosta e amareggiato
m’accorgo che ora ho un’ernia genitale.

Chi avrà vinto, avranno pareggiato?
Non so però mi resta quel sentore
d’esser l’unico fesso perculato.

Ci risiamo

Silvio ri-ri-discende in campoRitorna il Cavaliere Mascarato
con le due dita e mezzo di cerone
gli occhi a fessura e il volto un po’ scavato

Domando quale sia quella ragione
che porti un uomo quasi ottuagenario
in Parlamento invece che a Mentone,

in Kenya, a Portofino o all’Argentario
tra il Circolo del Golf ed un Martini
immerso in un bucolico scenario.

Racconta che lo fa per noi tapini
sommerso da richieste di tornare:
è chiaro, ci considera cretini

Ma in fondo lo possiamo biasimare?
Se la sinistra punta sui vegliardi
perchè la destra s’ha da rinnovare?

Qualcun dovrà badare ai suoi miliardi,
aziende, ville, conti e investimenti
e in fretta, prima che sia troppo tardi!

E poi ci vuol qualcun che si cimenti
a imbavagliar Giustizia e Magistrati
o le condanne passan da una a venti!

Così allo stesso punto siam tornati
Alfano torna a cuccia e morde l’osso
i Falchi si ritrovano schierati

Lo spread torna a salire a più non posso
Bersani tuona e invoca dimissioni
Napolitano fa il vocione grosso

Ci resta d’aspettare le elezioni:
stavolta la lezione è chiara a tutti
o siamo sempre i soliti coglioni?