Archivi Blog

Libertà è partecipazione

Mi duole constatar che anche stavoltaastensione
di non scegliere han scelto gli italiani
con l’astension, lavandosi le mani
a guisa di segnale di rivolta

Comprendo che la gente sia sconvolta
e stanca di votare ciarlatani
;
ma non v’è quorum che rendere vani
i voti possa, se la resa è molta

Così si dà il potere a quattro gatti,
che incarnano una maggioranza finta
,
di scegliere per noi una direzione.

Non va scordata mai questa lezione:
la madre dei cretini è sempre incinta
e alle elezioni votano compatti

Annunci

C’è chi dice “no”

In fondo Grillo mi fa tenerezza:Grillo-Scozia
lancia proclami, azzarda proiezioni
senza azzeccarne mai nemmeno mezza.

È cominciato tutto alle elezioni:
sì certa ormai vedeva la vittoria
che non pensò a adottar precauzioni.

Poi lo sappiamo come andò la storia:
a Renzi indietro d’oltre venti punti
rimase e quindi addio sogni di gloria.

Ora con gli Scozzesi, che disgiunti
volean tornar rispetto al Regno Unito,
scommise di veder morti e defunti

l’euro, Bruxelles e dell’Europa il mito.
Ma s’è sbagliato ancora, e la favella
pare abbia perso, tanto ch’è sparito.

O Beppe, non sarà che porti iella?

Usciamo a riveder i Cinque Stelle

Di Marchingegno88

Che farai, mio buon Grillone?La sconfitta di Grillo
Serve una valutazione.
Abbiam visto il lavorato

che in rete e in piazza hai berciato;
e se un dì m’hai ingannato
ora so fu pia illusione.

La tua fama alta è salita
dai talk show ribadita.
Ma la tivù era bandita,
oppur faccio confusione?

Non cacciasti con gran fretta
chi si presentò in diretta
(la pazienza ti difetta…),
quand’oggi vai da Vespone!

Lo so che di voti hai fame,
ma toppasti quell’esame:
e sulla poltrona infame
non facesti un figurone!

Beh, il Movimento è una focina
e c’è qualche idea carina:
ma con gli accorti in panchina
Di Battista fa il vocione.

E, Gesù mio, che disdetta
è Fraccaro che si netta!
Teme che con mano infetta
Civati lasci un alone?

Di Sandra parlar non voglio
e a lei va tutto il cordoglio.
Ghigliottina fenda il collo
a chi fe’ diffamazione!

Ma un far così indecoroso,
un urlar tempestoso
causò un tonfo clamoroso
all’europea elezione.

Mani anzi tempo sfregate
si nascondon umiliate,
e spero sol riflettiate
sulla vostra situazione.

Oh, se un po’ d’amor paterno
(non la voglia che ubbidendo
stia chi in Roma sta sedendo)
ti muovesse a ogni espulsione!

Era buono qualche intento:
ma brami dal movimento
un taleban comportamento
che non trova applicazione.

Che del terror instaurato
merito anche (è assicurato!)
a Gianrobè ne va dato
non è solo una mia opinione.

Guàrdati dalle sbandate,
da tutto ciò che fare fate,
e in specie quando stimate
il peso d’ogni affermazione.

Guàrdati da quei sentieri
il cui fine non puoi vedere,
e dall’agir come un sire,
o sarà altra umiliazione.

Papè Satàn, papè Satàn, a’ Beppe!

DanteSommoPoetaQuivi sospiri, pianti e alti guaiPapè Satàn, a' Beppe!
risonavan per l’aere Cinque Stelle:
di perder chi l’avrebbe detto mai?

Publio VirgilioOrben, qui sì n’ascolto delle belle
venti percent’e più non è sconfitta:
fé meglio assai pur dell’ex pidielle

Per di democrazia la strada dritta
ognun tiene’l diritto ben d’andarne:
così fé chi del tempo n’approfitta.

Tal è giusto che ponga a presentarne
ognun d’essi con pace e in gran letizia;
starà a noi poi dai fatti, giudicarne.

Purché non sol d’affari e d’amicizia
s’intoni dell’Europa il canto al voto;
tributo sia agli onesti e alla giustizia.

DanteSommoPoetaPapè Satàn, papè Satàn, a’ Beppe!

 

Publio VirgilioTi giuro, non comprendo come possa
un ventidue percento esser confuso
con una buona e sana rotta d’ossa

È ‘l metro dell’Italia a far refuso
o sol è moda andar contro quei tutti
che del liber pensier fan largo abuso ?

Sarà ch’al tempo mio di quei costrutti
non v’era rimarcanza: imperatore
mettea d’accordo buoni e farabutti

Ahi, quanto a dir qual era è gran dolore !
Votar non si poteva al tempo nostro;
goder sappiate, di quest’alto onore !

Ché di matita effimero l’inchiostro
permette a voi moderni d’assegnare
le luci e l’ombre de lo tempo vostro.

 

 

Grillo il netturbino

Il Grillo, senza macchia nè pauraGrillo da Vespa
d’Italia s’improvvisa netturbino
e Porta a Porta va col bidoncino
per la raccolta della spazzatura

Non solo della pulizia si cura
ma del riciclo d’ogni granellino
così che, d’ora in poi, sul suo cammino
la terra abbia di che restare pura

E’ in gamba: ha reso un vero giornalista
persino Vespa in una sola sera
e il suo un programma coi controcoglioni.
Ci fosse stato pure Berlusconi
avremmo visto forse una chimera:
la sua trasformazione a gran statista

Si Salvini chi può

Di @Maurizioneri79

Codesto segretario della LegaSi Salvini chi può
Pontifica concetti da emicrania
Io cerco di capir, ma nulla spiega

Vicino all’elezioni è lì che smania
Di bussola sembra impazzito un’ago
Nel simbolo smarrita è la Padania

Dell’euro basta? Quello con cui pago?
Qui siamo al verde, in rosso e andiamo in bianco
Ed il color cambiamo come un mago

Mi sembra nel suo ballo alfine stanco
In cerca d’affannosa secessione
Che stia danzando l’ultimo suo tanko?

Se il leone cambia verso, bela

Cos’è che a Renzi passa per la testaRenzi Premier
che punta a prendere di Letta il posto
così, senza aspettare, ad ogni costo
rischiando che gli facciano la festa?

Perchè ascolto non dà a chi lo contesta:
“Per come il Parlamento è ora composto
ti bruci: con l’Italicum piuttosto
la man sarà più libera e più lesta”

Non è che pure Renzi le elezioni,
seppur possieda un ego smisurato,
di perdere alla fine abbia paura?
Ben nota nel PD è questa cultura:
della Sinistra l’alibi abusato,

pur fuori gioco, è sempre Berlusconi

Silvio, i’ vorrei che tu e Napo ed io

Silvio, i’ vorrei che tu e Napo ed ioRenzi e Berlusconi
pensassimo a rifare il Parlamento,
per dar vita a un Governo ch’a ogni vento
per sempre andasse al voler vostro e mio,

sì che fortuna od altro tempo rio
non ci potesse dare impedimento,
anzi, all’accrescer dell’affiatamento,
di stare insieme crescesse ‘l disio.

E Mastro Alfano e Mastro Grillo poi
che insieme di percento han quasi trenta
ci riconosceranno il lor favore:

Orsù, mettiam da parte odio e livore,
vedrai che ogni fazion sarà contenta,
sì come i’ credo che saremmo noi

A Silvio (da Matteo)

Per gentile concessione de @Il_Leopardi

Silvio, rimembri ancoraRenzi e Berlusconi
Quel tempo in cui fosti Parlamentare,
Immunità splendea
Negli occhi tuoi fetenti e un po’ lascivi,
E tu, fosco ed esoso, al Quirinale
Per farla franca ambivi?
Sonavan le quiete
Stanze, e le vie dintorno,
Al tuo desco elegante,
Allor che a grazie femminili intento
Sedevi, assai contento
Del dopo cena che già ti godevi.
Eri un maschio focoso: e tu solevi
Così menar le sere.

Gli uffici Comunali
Talor lasciando, là a Palazzo Vecchio,
Ove il tempo mio primo
E di me si spendea la maggior parte,
D’in su i veron del Fiorentino ostello
Porgeo gli orecchi al suon della tua voce,
Ed al tono feroce
Che usciva dalla tele.
Miravo al Nazareno,
Vite dorate e corti,
Poi a Palazzo Chigi, e quindi al Colle.
Lingua mortal non dice
Se t’ammiravo o meno

Tu pria che il tempo prescrivesse il fatto,
Dai comunisti combattuto e vinto,
Venivi condannato. E non vedevi
La falsità dei tuoi;
Nè avesti più il calore
Delle movenze di negre procaci,
O degli sguardi languidi e lascivi;
Nè teco le compagne ai dì festivi
Simulavano amore.

Beh cominciamo orbene!
Da me venisti, in fondo; queste
le riforme, e la legge elettorale
Di cui tra poco ragioniamo insieme
E anche la sorte del Governo Letta
La detto io, l’agenda:
Tu, misero, cadesti: e con la mano
Di Renzi la vittoria alle elezioni
Saluti da lontano.
 


			

I Tre Moschettieri del PD

D’Italia i paladini, alti e fieriMoschettieri
si sfidan per eleggere il migliore:

delle Primarie sono i Moschettieri

C’è Porthos, scaltro e comunicatore
provetto, esuberante ed irruento
e c’è chi lo dà già per vincitore

Aramis, erre moscia e tono spento
prete mancato, algido e glaciale
nella tenzon fra i tre sembra il più lento

E poi c’è Athos, l’intellettuale
la giovane promessa del Partito:
che D’Artagnan gli sia più congeniale?

Di Segretario chi verrà insignito
del titolo, con l’onere e l’onore
di rendere il PD meno ammuffito?

Alla risposta mancan poche ore